Sono nato a Napoli il giorno di Natale del 1958. Ho vissuto l’infanzia a Napoli e l’adolescenza a Castellammare di Stabia dove ho conseguito la maturità scientifica. A metà degli anni ’80 mi sono trasferito in Brianza dove vivo tuttora, ma il legame atavico e viscerale col mare non si è mai interrotto e la scoperta, in tempi più recenti, della navigazione a vela lo ha reso indissolubile. Il matrimonio e la nascita di due figli risalgono ai primi anni di permanenza al Nord dove mi sono laureato in Geologia. La mia attività lavorativa si è svolta interamente nel mondo fluido del gas e del petrolio, luogo di scoperte, di incontri e anche di crescenti delusioni. La passione per l’arte mi ha accompagnato fin dai tempi della scuola media ma il piacere di scrivere e raccontare è rimasto latente per molto tempo e si è concretizzato soltanto durante un lungo soggiorno al Cairo, caotica e insicura capitale dell’Egitto. La stesura del mio primo romanzo, Ventuno mesi, ha riempito le notti insonni e i fine settimana di un anno estraneo e singolare. Dopo aver a lungo viaggiato per il mondo, si è rafforzata in me la consapevolezza che, dopotutto, l’Italia resta il posto più bello dove vivere.